1. Home
  2. Blog
  3. LA DORMIENTE DEL SANNIO “il dolce profilo di una montagna”

LA DORMIENTE DEL SANNIO “il dolce profilo di una montagna”

pubblicato in: Guida Turistica del Sannio – edizioni: GuideSlow – anno: 2019

a cura di Maurizio Vetrone

Dalla città di Benevento, alzando lo sguardo verso nord-ovest, soprattutto all’imbrunire o all’alba, si può distinguere chiaramente l’immagine di una splendida ed elegante donna che sembra soavemente addormentata: è la celebre “Dormiente del Sannio”.

L’immagine, decisamente suggestiva, è creata dalle vette dei monti che formano il massiccio Taburno-Camposauro che disegnano, all’orizzonte, il profilo di una testa con chiome fluenti che degradano dal monte Pentime verso il fiume Calore, il corpo sinuosamente adagiato sulle cime di Camposauro e le gambe distese sulle pendici del Taburno. È una “visione” inconfondibile nota da tempi immemori, riconoscibile anche a decine di chilometri di distanza che, come un gigantesco segnale, indica e caratterizza il luogo.

Per tutti gli abitanti del territorio, oltre al fascino di rendere vivo il profilo delle montagne, la Dormiente ha un profondo valore simbolico; la figura della donna si ricollega al mito ancestrale della madre-terra e il fatto di essere distesa e immersa in un sonno profondo rappresenta la tranquillità, la pace e l’armonia dei luoghi.

Gli anziani, ancora oggi, ogni mattina rivolgono lo sguardo alla Dormiente per conoscere il tempo che farà: quando il cielo è terso il profilo si staglia grandioso e inconfondibile sullo sfondo azzurro annunciano bel tempo; il “naso sporco” e i “capelli arruffati”, cioè avvolti dalle nuvole, indicano che quasi certamente pioverà.

Viaggiando da Benevento verso ovest, guardando verso l’orizzonte, si nota maestosa questa immagine incantevole che racchiude, sotto le sue vesti, paesaggi incontaminati, borghi suggestivi, storie e tradizioni millenarie e tante eccellenze eno-gastronomiche… un motivo in più per scegliere questo affascinante territorio come luogo privilegiato da scoprire un po’ alla volta in tutta la sua bellezza.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Menu